IN PRIMO PIANO - ROMA IN VANTAGGIO

 

ROMA - i......s Prima e Dopo by Roberto Cerrone

 

 

Roma - Juventus, la partita
Ultima giornata del girone di andata, domenica 12 gennaio stadio Olimpico ore 20.45, ci viene a fare visita l’altra squadra di Torino di cui non porta il nome e forse neanche è figlia di quella città, sicuramente i suoi numerosi tifosi sono presenti in tutta la penisola, forza delle vittorie ma anche del fatto del suo nome che non ricorda nessuna appartenenza geografica specifica, come è anche l’Inter. Se andiamo a vedere bene la storia dei bianconeri zebrati figli della Fiat, ci accorgiamo che le vittorie, tante, sono spesso coincise con momenti di grande predominio, quasi a voler far germogliare generazioni di tifosi. Spesso i successi portano anche antipatia e se la Juventus è la più amata è anche la più antipatica per tanti.
Noi, di contro, dobbiamo recuperare le lacrime dei giovanissimi tifosi che stavano sabato sera, in attesa della Befana, allo stadio Olimpico e hanno visto la loro Roma perdere contro i granata e hanno capito che tifare Roma è spesso sofferenza specie quando certi arbitri decidono il canale che deve prendere una gara, si sa, la sofferenza forgia e in questo, come tifosi, siamo d’acciaio.
La storia ci ha spesso detto che la Juventus, in casa nostra, ha sofferto e nelle 85 precedenti apparizioni, 32 volte ha vinto la nostra amata, 25 loro e 28 sono stati i pareggi, 122 a 98 i gol per noi. Solo con l’Inter a Milano, la Juve ha sofferto di più, una lenticchia di più. Non è roba da poco.
Curiosità, la prima volta in serie A girone unico a Roma, fu il 12 gennaio 1930, cioè 90 anni fa e la gara terminò 3 a 2 per loro, siete tutti pregati di fare i giusti scongiuri. Già la partita successiva,15 marzo 1931, divenne leggenda, il famoso 5 a 0 che diede vita alla Canzona di Testaccio, eppure quel campionato vide la Juventus vincitrice davanti a noi, pur avendo i nostri colori il miglior attacco, la miglior difesa e il marcatore principe.
L’anno scorso, con mister Ranieri, vincemmo per 2 a 0 con reti di Florenzi e Dzeko, era la 36° giornata, rimasero accese le ultime fiammelle champions.
Ci troveremo contro due vecchi amici, “coso” Szczesny e Pjanic che hanno dato molto con la nostra maglia, da parte nostra ci sarà Spinazzola, fino ad oggi non ci ha potuto dare molto a causa di continui infortuni.
Proprio gli infortuni sono la costante, mai variabile per noi, e quando si leggono le liste degli indisponibili ci accorgiamo che sono sempre le più lunghe della serie A. Altra nota, a Pellegrini si sono aggiunti Florenzi e Kolarov tra i diffidati con il derby quasi alle porte. Non vorrei che……
Forza ROMA!
Roberto Cerrone Roma Club Eni, Dino Viola, Utr

 

 

Informazioni aggiuntive